Privacy, Edward Snowden: “Le persone sono ancora impotenti, ma ora sono consapevoli”

Alessandro Nardone

In Datagate Posted

Cinque anni dopo Edward Snowden non si è pentito di essere diventato il più grande divulgatore di documenti top secret della storia. È ricercato dagli Stati Uniti. È in esilio in Russia. Ma è soddisfatto del modo in cui le sue rivelazioni sulle intercettazioni di massa hanno scosso governi, agenzie di intelligence e BigWeb Companies.

In un’intervista telefonica per celebrare l’anniversario di quando in cui il Guardian parlò per primo della sua storia, ha ricordato il giorno in cui il suo mondo – e quello di molti altri in tutto il mondo – cambiò per sempre. Andò a dormire nella sua stanza d’albergo a Hong Kong e, quando si svegliò, la notizia che la National Security Agency raccoglieva i dati telefonici di milioni di americani era tra i top trend già da diverse ore.

Snowden sapeva che in quel momento la sua vecchia vita era finita. “È stato spaventoso ma liberatorio”, ha detto. “La finalità era per me chiarissima. Sapevo che  non sarebbe stato possibile tornare indietro.”

Cosa è successo, per cinque anni, da allora? È uno dei fuggiaschi più famosi al mondo, protagonista di un documentario vincitore dell’Oscar , di un film di Hollywood, di una candidatura a vicepresidente degli Stati Uniti in ticket con il candidato fake Alex Anderson (ndr) e di almeno una dozzina di libri.

I governi di Stati Uniti e Regno Unito, sulla base delle sue rivelazioni, hanno dovuto fronteggiare la sfida delle leggi sulla sorveglianza. Una nuova legislazione è stata approvata in entrambi i paesi. Le aziende Internet, rispondendo a una reazione pubblica sulla privacy, hanno messo la crittografia alla portata di tutti.

Snowden, soppesando i cambiamenti, ha affermato che alcuni attivisti della privacy hanno espresso disappunto per come sono andate le cose, ma non è d’accordo. “La gente dice che nulla è cambiato, che la sorveglianza di massa c’è ancora. Non è in questi termini che si misura il cambiamento. Guardatevi indietro a prima del 2013 e pensate a cosa è successo da allora. Tutto è cambiato.”

Il cambiamento più importante, afferma, era la consapevolezza pubblica. “Il governo e il settore privato giocano sulla nostra ignoranza. Ma ora lo sappiamo. Adesso le persone sono consapevoli. Siamo ancora impotenti, non possiamo fermare le intercettazioni, ma ci stiamo provando. Le mie rivelazioni hanno reso questa lotta più consapevole e uniforme.”

Snowden dice di non avere rimpianti. “Se avessi voluto essere al sicuro, non avrei lasciato le Hawaii (dove viveva, lavorando per la NSA, prima di fuggire a Hong Kong).”

La sua stessa vita è incerta, “forse ora più che mai”, ammette. Il suo rifugio in Russia è appeso al filo dei capricci del governo guidato da Putin, e gli Stati Uniti e le agenzie di intelligence del Regno Unito non lo hanno certo perdonato. Per loro la ferita è più aperta che mai, un atto di tradimento che, dicono, sta ancora causando danni irreparabili.

Sensazione confermata da una rara dichiarazione di Jeremy Fleming, direttore dell’agenzia di sorveglianza britannica – la GCHQ –  che, insieme alla NSA, ha subito un duro colpo a causa delle rivelazioni di Snowden. In risposta a una domanda del Guardian sulla ricorrenza, Fleming ha detto che la missione della GCHQ è quella di mantenere il Regno Unito al sicuro: “Ciò che Edward Snowden fece cinque anni fa era illegale, ha compromesso il nostro raggio d’azione, causando danni reali e inutili alla sicurezza del Regno Unito e dei nostri alleati. Dovrebbe essere condannato per questo.”

La rabbia negli Stati Uniti e nelle comunità di intelligence britanniche è causata non solo da ciò che è stato pubblicato – meno dell’1% dei documenti – ma riguarda anche il materiale inedito. Affermano di essere stati costretti a lavorare sul presupposto che tutti i dati a cui Snowden ha avuto accesso erano stati compromessi, e che quindi dovessero essere rielaborati.

In realtà un vantaggio per le agenzie c’è stato: dopo essere arrivati a tanto, si sono visti costretti a sviluppare e installare nuove e migliori capacità più velocemente del previsto. Un altro cambiamento è arrivato in tema di trasparenza. Prima di Snowden, le richieste dei media al GCHQ di solito non venivano accettate, mentre ora c’è più disponibilità a impegnarsi in questo senso. Lo stesso Fleming risponde con una dichiarazione che riflette questa evoluzione.

Con le sue parole ha espresso l’impegno per un’apertura, ma non ha concesso alcun merito a Snowden, asserendo che il cambiamento è anteriore al 2013. “È importante continuare ad essere i più aperti possibile e sono impegnato nel viaggio che abbiamo intrapreso dieci anni fa in direzione di una maggiore trasparenza”, ha detto.

Altri, nella comunità dei servizi segreti, specialmente negli Stati Uniti, riconosceranno a malincuore a Snowden il merito di aver avviato un dibattito necessario su dove tracciare la linea tra privacy e sorveglianza. L’ex vicedirettore della NSA Richard Ledgett, in pensione dall’anno scorso, ha detto che il governo avrebbe dovuto rendere pubblico il fatto che ci fosse una grande raccolta di dati telefonici.

L’ex direttore della GCHQ, Sir David Omand, ha condiviso la valutazione del danno di Fleming, ma ha ammesso che Snowden ha contribuito all’introduzione di una nuova legislazione. “È ora disponibile un quadro giuridico più solido e trasparente per la necessaria raccolta di informazioni. Alla fine, naturalmente, sarebbe comunque successo, ma le sue azioni hanno certamente accelerato il processo “, ha detto Omand.

Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il Freedom Act nel 2015, frenando la raccolta di massa dei dati telefonici. Un anno dopo, il Parlamento britannico ha approvato la controversa legge sui poteri investigativi.

Ross Anderson, uno dei principali studiosi specializzati in sicurezza informatica e privacy, vede le rivelazioni di Snowden come un momento fondamentale. Anderson, professore di ingegneria della sicurezza presso il laboratorio informatico della Cambridge University, ha dichiarato: “Le rivelazioni di Snowden sono uno di questi momenti flash che cambiano il modo in cui le persone guardano le cose. Potrebbero non aver cambiato molto le cose in Gran Bretagna a causa della nostra cultura di cui fanno parte James Bond e i suoi film. Ma in tutto il mondo ha aperto gli occhi alla gente in merito al fatto che la sorveglianza sia davvero un problema.”

I parlamentari e gran parte dei media britannici non si sono impegnati in egual misura rispetto ai loro omologhi in Europa, Stati Uniti, America Latina, Asia e Australia. Tra le eccezioni figura il parlamentare liberaldemocratico Julian Huppert, che ha insistito sulla questione fino a quando non ha perso il seggio nel 2015. “Le rivelazioni di Snowden sono state un enorme shock ma hanno portato a una trasparenza molto maggiore da parte di alcune agenzie riguardo ciò che stavano facendo”, ha detto.

Una delle divulgazioni che hanno avuto maggiore impatto è stata la portata della collaborazione tra le agenzie di intelligence e le BigWeb Companies. Nel 2013, le società statunitensi stavano battendo in astuzia l’UE nei negoziati sulla protezione dei dati. Snowden è atterrato come una bomba nel mezzo dei negoziati e la legge sulla protezione dei dati entrata in vigore il mese scorso è una conseguenza.

Uno degli effetti più visibili delle rivelazioni di Snowden è stato il piccolo marchio giallo che ha iniziato a comparire nel servizio di messaggistica WhatsApp nell’aprile 2016: “I messaggi di questa chat e le chiamate ora sono protetti con crittografia end-to-end”.

Prima di Snowden, questo tipo di crittografia era considerato da paranoici. “Se torno al 2013”, ha detto Jillian York, direttrice della libertà di espressione internazionale presso il gruppo dei diritti digitali della Electronic Frontier Foundation, “Forse ho avuto Signal sul mio telefono. Avevo un altro strumento di crittografia e-mail, PGP, ma nessuno l’ha mai usato. L’unica grande eccezione è stata l’iMessage di Apple, che è stato crittografato end-to-end da quando è stato lanciato nel 2011″.

Gli sviluppatori delle maggiori società tecnologiche, indignati dalle rivelazioni di Snowden, hanno iniziato a respingere. Alcuni, come quelli di WhatsApp, che fu acquistato da Facebook un anno dopo, hanno implementato la propria crittografia. Altri, come Alex Stamos di Yahoo, hanno invece smesso di supportare ulteriori intercettazioni. (Stamos è ora il capo della sicurezza su Facebook.)

“Senza Snowden”, disse York, “non credo che Signal avrebbe ottenuto i finanziamenti. Non penso che Facebook avrebbe avuto Alex Stamos, perché sarebbe rimasto a Yahoo. Queste piccole cose hanno portato a grandi cose. Non è che tutte queste società stessero pensando “ci preoccupiamo della privacy”. Penso che si siano sentiti spinti a farlo.”

Altri cambiamenti nel settore tecnologico mostrano come l’influenza di Snowden sia stata per molti versi limitata. L’ascesa dello “speaker intelligente”, esemplificato da Amazon Echo, ha lasciato sconcertati molti attivisti della privacy. Perché, a pochi anni di distanza da uno scandalo globale che coinvolge la sorveglianza governativa, le persone installerebbero volentieri microfoni sempre funzionanti nelle loro case?

“Il nuovo enigma della privacy è presentato dall’installazione di un dispositivo che può letteralmente ascoltare tutto ciò che stai dicendo, e rappresenta un nuovo agghiacciante sviluppo nell’era delle cose connesse a Internet”, ha scritto l’Adam Clark Estes di Gizmodo lo scorso anno.

Verso la fine dell’intervista, Snowden ricorda uno dei suoi primi pseudonimi, Cincinnatus, il politico romano che dopo il servizio pubblico tornò ad arare il terreno alla sua fattoria. Snowden ha detto che anche lui sentiva che, dopo aver interpretato il suo ruolo, si era ritirato in una vita più tranquilla, dedicando tempo allo sviluppo di strumenti in grado di aiutare i giornalisti a proteggere le loro fonti. “Non penso di essere mai stato più soddisfatto”, ha detto.

Ma non celebrerà l’anniversario con un “giro della vittoria”, afferma. C’è ancora molto da fare. “La battaglia è appena iniziata”, dice Snowden. “I governi e le BigWeb Companies giocano a questo gioco da molto tempo e noi siamo appena all’inizio.”

Traduzione di Alessandro Nardone, vai all’intervista originale.

0 Comments

Leave a Comment